Zefiro torna, e 'l bel tempo rimena
e i fiori e l'erbe, sua dolce famiglia,
e garrir Progne e pianger Filomena,
e primavera candida e vermiglia;
ridono i prati e 'l ciel si rasserena,
Giove s' allegra di mirar sua figlia,
l' aria e l' acqua e la terra è d' amor piena,
ogni animal d' amar si riconsiglia.
Ma per me, lasso, tornano i più gravi
sospiri, che del cor profondo tragge
quella ch' al ciel se ne portò le chiavi
e cantar augelletti e fiorir piagge
e n' belle donne oneste atti soavi
sono un deserto e fere aspre e selvagge.

-Francesco Petrarca, Canzoniere (CCCX)