"non eri così"
e allora chi ero?
ero davvero io?
o solo il frutto di azioni non mie?

non so più niente.
non so più chi sono davvero.
la vera me è nascosta da qualche parte, scappata tanto tempo fa dalle pretese di chi stava attorno a me.

le pretese si fanno sentire in modo diverso, anche involontariamente, ce le conficcano in testa.
vengono creati questi modelli di semi perfezione a cui tutti aspirano.
siamo tutti drogati di una società che ci dice di essere noi, ma allo stesso tempo ti dice di smettere di essere te.

voglio solo essere me, ma a questo punto non so neanche chi sono.
chi sono io?

io. è una parola a cui non ci rifletto mai. è arrivato il momento di capire questo "io" cosa vuol dire.
è arrivato il momento di riflettere di più sulle cose, di fare quello che voglio fare davvero, di lasciarmi andare, di vedere dove mi porta la mente, di vedere cosa vuole fare la parte più intima di me.
ho davvero tanta voglia di scoprire me. di scoprirmi.

è arrivato il momento che io faccia le mie decisoni, e non mi interessa se verrò giudicata o no.
non mi interessa se sarò un'emarginata, un lupo solitario, o magari scoprirò di non essere molto cambiata da come sono sempre stata.

è arrivata l'ora di riportarmi a casa.