Laura è la classica studentessa popolare del college. E bella, fidanzata, amata dagli amici, ha una famiglia perfetta, punta a diventare psicologa e condivide passo dopo passo tutta la sua vita su FB. Più di 800 followers le fanno compagnia 24h su 24h. Un giorno, notata una ragazza molto solitaria e un po' "strana" che segue il suo stesso corso, Laura decide di scambiarci due parole e accettare innocentemente la sua richiesta di amicizia. Le due sembrano legare tanto fino a quando la solitaria Ma Rina comincia a diventare sempre più morbosa. Quando Laura, stanca di sentirsi perseguitata, toglie la ragazza dalle sue amicizie virtuali, scatena tutta l'ira di quest'ultima che si impicca e si da fuoco davanti al suo stesso pc. Il video della sua morte viene postato sulla bacheca di Laura scatenando le malelingue di tutto il college portando presto la ragazza a restare senza amici, mentre quei pochi rimasti vengono brutalmente uccisi da forze misteriose.

movie, william moseley, and friends image william moseley, connor paolo, and friend request image

Da quando i social sono entrati a far parte della nostra vita quotidiana tutto é cambiato: possiamo conoscere persone di tutto il mondo, condividere pensieri con foto e video, leggere notizie (più o meno false), aggiungere ed eliminare chiunque dai nostri "amici" con un click. Se non sei mai stato "famoso" nei lunghi anni scolastici, puoi sentirti qualcuno sui social, puoi colmare i tuoi vuoti e illuderti di credere che importi davvero a qualcuno. Più like ottieni e più la tua autostima cresce nutrita da degli 0 e 1.

gif, friend request, and alycia debnam-carey image

E il social dà e il social toglie. Se da un lato puoi sentirti interessante (o fingere di esserlo) attirando a te più persone possibili, dall'altro puoi perdere interesse per la realtà che sembrerà noiosa e solitaria in confronto alle centinaia di bacheche che puoi spulciare su FB. Questo film usa proprio i social e la solitudine come mix perfetto per creare un unico grande punto forte intorno al quale strutturare un film horror perfettamente riuscito. Questo film mi è piaciuto per come ha voluto rappresentare la solitudine, dandole un volto di terrore che spesso non si vuole vedere nascondendosi dietro a uno schermo. Ha un messaggio importante al suo interno e ha scelto uno strumento efficace per trasmetterlo ai giovani. Loro capiranno?