Quando ero appena adolescente guardavo Dragon Ball, un anime e un mondo meraviglioso che però non si addiceva per niente a una ragazzina di 13 anni.
Ero un'adolescente come tante, che vestiva casual e un pò maschiaccio.
Ero una ribelle anche a quell'età, un pò infantile e sognatrice.
L'unica cosa, è che ero un pò una bulletta alle medie.
Ma non bulletta nel senso che me la prendevo con i più deboli.
Semplicemente picchiavo i ragazzini con cui avevo discussioni o mi prendevano in giro. Avevo preso molte note per i miei atteggiamenti da "fan sfegatata di Dragon Ball".
Mi sentivo onnipotente, forte, sia dentro che fuori e nessuno poteva fermare la mia sicurezza. Volevo diventare sempre più forte fisicamente, facevo la lotta con mio padre, o con miei cugini, facevo pesi, e volevo persino iscrivermi a un corso di arti marziali. La forza fisica per me era importante.
Goku per me era il mio "maestro", un eroe, il mio idolo che attraverso le puntate dell'anime, mi insegnava sempre qualcosa di nuovo.

Image by Zicky Schwarz

Ma crescendo, ho dovuto affrontare altre cose, che andavano oltre la forza fisica. Dopo la terza superiore, avevo accantonato Dragon Ball per impegni scolastici, avevo perso la mia migliore amica, e le cose a scuola degenerarono. Prendevo molte insufficienze, in più con i professori e i miei compagni non ci andavo molto d'accordo. Nemmeno nella mia famiglia le cose andavano bene, e allora iniziai a tagliarmi.
In situazioni del genere la forza fisica diventa superflua, e perdendo fiducia in me stessa, ho perso la mia forza interiore.
L'ultimo anno di scuola, ho conosciuto una band, i Black Veil Brides, e non solo amavo la loro musica, ma anche loro come artisti e il messaggio che trasmettevano attraverso le loro canzoni.
Andy, il cantante, mi ha sempre dato forza. Forza di continuare a lottare, di non lasciarmi condizionare dai commenti negativi e di ascoltare sempre il cuore.
Pian piano ho smesso di tagliarmi. Pian piano ho ritrovato una nuova forza. Ho imparato a mettere me stessa al primo posto, e come dice Andy "trova qualcosa di alternativo che non sia farti del male, perchè alla fine faresti del male all'unica persona più importante, ovvero tu.."
Difendo le mie opinioni e le mie idee, rispondo a tono a chi mi infastidisce, se qualcuno mi fa un torto, lo faccio anch'io.
Faccio sempre di testa mia, mi ribello quando qualcosa non mi va, e prendo sempre le mie posizioni. E soprattutto non mi lascio abbattere dai commenti negativi altrui. Io sono me stessa e nessuno può conoscermi meglio di quanto lo possa fare io.
So essere stronza e vendicativa, ma sono sempre la prima ad aprirsi e a dare il cuore a che lo merita.
Andy per me è stato un idolo, un'ancora e un supporto fin dall'inizio. Mi ha aiutato a trovare quel minimo di forza che mi mancava, la forza interiore, che dovrò ancora sviluppare a pieno. Mi ha aiutato a smettere di tagliarmi, grazie alle sue parole e al suo buon esempio.
Perchè anche lui era una specie di reietto della società, ma si è rialzato, tante e tante volte per poi diventare la persona meravigliosa che è oggi.
E lui è un eroe, una guida e un maestro di vita.

andy biersack, black veil brides, and bvb image

Quello che vorrei dire alla me adolescente: "nella vita non è molto importante la forza fisica, ma quella interiore. Puoi atteggiarti da Goku quanto ti pare, ma se durante un combattimento finisci per terra, 1, 2, 3, 4 o 5 volte.. qual'è la vera forza che ti farebbe rialzare?"