Si pensa alla riservatezza come una cosa da asociali, depressi, sociopatici, una cosa che deve per forza far sentir tristi, a disagio. Invece per me non è solo così, ho imparato a vederne anche il lato positivo: uno stato mentale, oltre che fisico, in cui si può trovare del tempo da dedicare a se stessi, si può riflettere su vari argomenti senza essere giudicati, si può fare quello che vogliamo in libertà. Secondo me fa bene a tutti stare del tempo da soli oltre al tempo da dedicare agli amici, in modo da liberare la mente ed essere sempre positivi.