"La grazia del volto niveo e gelido di Leda spaziando sulle meraviglie del mondo, si ravvivava decifrando la fantastica narrazione della storia della Terra e della centralità dell'uomo iscritta negli strati della materia e del tempo". L.P. ( C 2000)